TESSIDURA

Gentilissimi,

finalmente, dopo un lunghissimo lavoro, possiamo presentarvi il catalogo della collezione tessile del MURATS. 
Un testo che, in 256 pagine, raccoglie tutti i manufatti più importanti e pregiati della nostra collezione, partendo dalle coloratissime coperte, alle bisacce, copricassa, abiti etc.
Oltre alla collezione storica sono presenti anche le due collezioni più recenti.
La prima è “La collezione del Principe” dedicata all’Aga Khan che raccoglie 18 manufatti che riproducono i migliori tappeti della tradizione Samughese partendo dagli anni 50 fino ai giorni nostri e realizzati dagli artigiani di Samugheo.
La seconda è composta dai tappeti realizzati in seguito al concorso “Annodarte”, realizzato nel 2013 e che vede una serie di manufatti realizzati dagli artigiani di Samugheo sui progetti degli architetti e designer vincitori del concorso.

Il catalogo è in vendita presso il Museo, le maggiori librerie Sarde e in ambito nazionale presso le librerie Mondadori.
Lo si può ordinare anche on line nello store Mondadori (http://www.mondadoristore.it/Tessidura-Manufatti-na/eai978888954542/) e altri siti specializzati al prezzo di 19,90 euro

Attraverso immagini di alta qualità e testi redatti da esperti del settore etnografico, il catalogo presenta la collezione permanente del museo MURATS, che espone numerosi manufatti tessili provenienti da tutta l’isola, alcuni dei quali di notevole pregio. Il catalogo valorizza l’importanza del museo ed è il compimento della missione del MURATS, in un percorso di raccolta, conservazione e catalogazione culminato nella consapevolezza della valenza pubblica della collezione, e garantisce alle generazioni future una “testimonianza” visiva della tradizione tessile sarda. Il MURATS (Museo Unico Regionale Arte tessile Sarda) di Samugheo è il più importante museo d’arte tessile tradizionale della Sardegna, nato con l’intento di recuperare e conservare la memoria storica tessile dell’Isola. Il catalogo è uno strumento che conciliando lo sguardo al passato e alla tradizione, contribuisce a custodire il ricco patrimonio tessile sardo guardando anche al futuro, all’innovazione, al rinnovamento.



Lascia un commento